Dove Cameron Quotes

We've searched our database for all the quotes and captions related to Dove Cameron. Here they are! All 13 of them:

I wake up & it breaks my heart. I draw the blinds & the thrill of rain breaks my heart. I go outside. I ride the train, walk among the buildings, men in Monday suits. The flight of doves, the city of tents beneath the underpass, the huddled mass, old women hawking roses, & children all of them, break my heart. There’s a dream I have in which I love the world. I run from end to end like fingers through her hair. There are no borders, only wind. Like you, I was born. Like you, I was raised in the institution of dreaming. Hand on my heart. Hand on my stupid heart.
Cameron Awkward-Rich
Fear is another reason to try harder
Dove Cameron
Special Agent Pallas. Just the man I was looking for.' Cameron went to fold her arms across her chest, then seemed to realize - nope, no room there. 'What is this I hear about someone saying that my employees need to stay out of my way or risk an untimely death by paper clip?' Next to Jack, Agent Sam Wilkins looked up at the ceiling, speaking under his breath. 'I told you that would not go over well...' Jack held up his hands. 'It was a joke.' 'A joke.' Cameron's gaze went to Sam. 'Agent Wilkins. Was Agent Pallas scowling or smiling at the time of this alleged joke?' 'I plead the fifth.' 'A paralegal practically dove headfirst into a cubicle to get out of my way, Jack. So no more jokes.
Julie James (Love Irresistibly (FBI/US Attorney, #4))
Special Agent Pallas. Just the man I was looking for.' Cameron went to fold her arms across her ches, then seemed to realize - nope, no room there. 'What is this I hear about someone saying that my employees need to stay out of my way or risk an untimely death by paper clip?' Next to Jack, Agent Sam Wilkins looked up at the ceiling, speaking under his breath. 'I told you that would not go over well...' Jack held up his hands. 'It was a joke.' 'A joke.' Cameron's gaze went to Sam. 'Agent Wilkins. Was Agent Pallas scowling or smiling at the time of this alleged joke?' 'I plead the fifth.' 'A paralegal practically dove headfirst into a cubicle to get out of my way, Jack. So no more jokes.
Julie James (Love Irresistibly (FBI/US Attorney, #4))
Sean was watching me, though. And Sean wiped the bryozoa residue from his hand across my stomach. This was the third time a boy had ever touched my bare tummy, and I’d had enough. Through gritted teeth, like any extra movement might spread the bryozoa further across my skin, I told him, “I like you less than I did.” I bailed over the side of the boat-the side opposite where the bryozoa returned to its native habitat. Deep in the warm water, I scrubbed at my tummy with both hands. A combination of bryozoa waste and Sean germs: it was the best of times, it was the worst of times. Leaning toward worst, because now I had slime on my hands. Or maybe this was psychosomatic. Holding my hands open in front of me in the water, I didn’t see any slime. I rubbed my hands together anyway. Something dove into the water beside me in a rush of bubbles. I came up for air. Sean surfaced, too, tossing sparkling drops of water from his hair. “You still like me a lot, though, right?” “No prob. Green is the new black.” Giving up on getting clean, I swam a few strokes back toward the platform to get out again. What I needed was a shower with chlorinated water and disinfectant soap. I might need to bubble out my belly button with hydrogen peroxide. “What if I made it up to you?” He splashed close behind me. “What if I helped you get clean? We don’t want you dirty.” He moved both hands around me under the water, up and down across my tummy. It was the fourth time a boy had touched my tummy! And it was very awkward. He bobbed so close behind me that I had a hard time treading water without kicking him. I needed to choose between flirting and breathing. Cameron and my brother leaned over the side of the boat and gaped at us, which didn’t help matters. I’d been afraid of this. Flirting with Sean was no fun if the other boys acted like we were lepers. Well, okay, it was fun, but not as fun as it was supposed to be. Obviously I would need to give McGullicuddy the little dolphin talk. I wasn’t sure I could do this with Cameron-Cameron and I didn’t have heart-to-heart convos-but I might need to make an exception, if he continued to watch us like we were a dirty movie on Pay-Per-View (which I’d also seen a lot of. Life with boys). BEEEEEEEEEEEEEEEE- Sean and I started and turned toward the boat. Still behind the steering wheel, Adam had his chin in his hand and his elbow on the horn. -EEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE Damn it! I turned around to face Sean and gave him a wry smile, but he’d already taken his hands away from my tummy. The horn really ruined the mood. -EEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE Sean hauled himself up onto the platform. I followed close behind him, and (glee!) he put out a hand to help me. Cameron and my brother yelled at Adam. -EEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEP. “Oh!” Adam said as if he’d had no idea he’d been laying on the horn. He looked at his elbow like it belonged to someone else. I was in the boat with Sean now, and he was still holding my hand. Or, maybe I was still clinging to his hand, but this is a question of semantics. In any case, I pulled him by the hand past the other boys to the bow. We didn’t have privacy. There was no privacy on a wakeboarding boat. At least we had the boat’s windshield between us and the others. As I turned to sit down on the bench, I stuck out my tongue at Adam behind the windshield. He crossed his eyes at me.
Jennifer Echols (Endless Summer (The Boys Next Door, #1-2))
Mi piaceva moltissimo il posto dove mi trovavo in quel momento e la sensazione era molto precisa e intensa: stavo lì, nella cucina di mia nonna, a bere il caffè appena fatto, in una tazza vera e non in un bicchiere di carta col coperchietto, nella sua cucina ordinata e perfetta, con la porta sul retro aperta giorno e notte, il pavimento di linoleum era liscio come cuoio dopo tanti anni di pulizie, e davanti a me, con un vestito comprato probabilmente quarant'anni fa e messo migliaia di volte, c'era mia nonna che mi ascoltava, che sembrava accettarmi come mi accettava solo lei, e fuori, tutt'intorno a noi, un sereno sabato estivo e un mondo non ancora completamente sopraffatto dalla stupidità, dall'intolleranza e dall'odio.
Peter Cameron
Com’è il morale? In generale”. “Il morale è... eccellente,” disse Nigel, deglutendo con forza. “È un periodo interessantissimo, naturalmente. La Gran Bretagna è a un punto di svolta e noi siamo proprio nell’epicentro... nell’epicentro del turbine che sta... trasfigurando la realtà politica, indirizzandola verso uno sviluppo... decisamente sismico in cui... le placche tettoniche della nostra storia nazionale si stanno spostando, con il risultato di provocare una trasformazione... e io, in qualità di testimone...” All’improvviso si interruppe. Il suo sguardo si perse nel vuoto. Le spalle si afflosciarono. Per un minuto o due rimase a fissare la superficie schiumosa del suo caffè. Alla fine tornò ad alzare gli occhi e le sue successive parole furono le più sincere che Douglas avesse mai sentito uscire dalle sue labbra. “Siamo fottuti.” “Prego?” “Siamo completamente e irrimediabilmente fottuti. È un caos. Corriamo di qua e di là come polli decapitati. Nessuno ha la più pallida idea di quello che sta facendo. Siamo... siamo fottuti.” Rapidamente Doug tirò fuori il cellulare e cominciò a registrare. “È ufficiale?” chiese. “Che importa? Siamo fottuti, perciò che senso ha sapere se è ufficiale?” “Che tipo di caos? Chi corre di qua e di là come un pollo decapitato?” “Tutti. Nessuno escluso. Chi si aspettava un esito simile? Nessuno era pronto. Nessuno sa cosa sia la Brexit. Nessuno sa come attuarla. Un anno e mezzo fa tutti la chiamavano Brixit. Nessuno sa cosa voglia dire Brexit.” “Pensavo che Brexit significasse Brexit.” “Divertente. E come dovrebbe essere questa Brexit?” “Una Brexit rossa, bianca e blu, come dice la May,” citò Doug e di nuovo si dispiacque per Nigel, così infelice. “Ma di sicuro ci saranno frotte di consiglieri... esperti?...” “Esperti?” disse Nigel con amarezza. “Non crediamo più negli esperti. La catena di comando è semplicissima. Ciascuno riceve le sue direttive da Theresa, e Theresa le riceve dal ‘Daily Mail’. E anche da un paio di think tank così fanatici del libero scambio che non li lasceresti...” “Questi think tank...” disse Doug incuriosito. “Non mi dirai che una di loro è l’Imperium Foundation, vero?” “Mio Dio,” disse Nigel, la testa tra le mani. “Sono dappertutto... dappertutto. Sempre pronti a indire riunioni. A bombardarci di tabelle. Dimenticati della volontà del popolo. Sono questi i pazzi che hanno preso il potere.” “Cameron avrebbe saputo fronteggiarli meglio, secondo te?” “Cameron?” disse Nigel con una smorfia. “Un fesso di prima categoria! Un moccioso! Un coglione fatto e finito. Se ne sta nel suo capanno del cazzo a scrivere le sue memorie. Guarda che disastro si è lasciato alle spalle. Tutti pronti a pugnalarsi alle spalle. Gli stranieri vengono insultati per la strada. Aggrediti sull’autobus. Invitati a tornarsene da dove sono venuti. Se uno non riga dritto, ecco che subito diventa un traditore e un nemico del popolo. Cameron ha demolito questo paese, Doug. L’ha demolito ed è scappato.
Jonathan Coe (Middle England (Rotters' Club, #3))
Frustrato, Doug tentò un’altra strada. “Ascolta, supponiamo che la maggioranza voti per la Brexit e noi...” “Scusami se ti interrompo,” disse Nigel. “Supponiamo che la maggioranza voti per cosa?” “Brexit.” Nigel lo guardò sbalordito. “Come mai salti fuori con questa parola?” “Non è così che la chiamano tutti?” “Credevo che si dicesse Brixit.” “Cosa? Brixit?” “Noi diciamo così.” “Noi... chi?” “Dave e tutto il gruppo.” “Tutti dicono Brexit. Da dove viene Brixit?” “Non lo so. Pensavo che si dicesse così.” Di nuovo prese un appunto sul taccuino. “Brexit? Sei sicuro?” “Sicurissimo. È una parola composta. British exit.” “British exit... Allora dovrebbe essere Brixit?” “Be’, i greci l’hanno chiamata Grexit.” “I greci? Non sono usciti dall’Unione europea.” “No, ma hanno valutato la possibilità di farlo.” “Noi non siamo i greci. Dovremmo avere una parola che sia unicamente nostra?” “Ce l’abbiamo. Brexit.” “Ma noi continuiamo a dire Brixit.” Scuotendo la testa, Nigel continuò a scrivere. “Sarà una notizia bomba nel prossimo consiglio dei ministri. Spero che non tocchi a me comunicarlo.” “A che ti serve avere una definizione se sei sicuro che la cosa non succederà?” gli domandò Doug. Nigel sorrise felice. “Naturale... hai ragione da vendere. Non succederà e quindi non ci serve definirla.” “Ecco, vedi.” “Dopotutto, tra un anno, nessuno si ricorderà più di questa stupida faccenda.” “Esattamente.” “Nessuno si ricorderà che qualcuno voleva la Brixit.” “Proprio così. Però, sai, alcuni di loro...” Si chiese come dovesse metterla. “Sono personaggi da prendere sul serio, no? Boris Johnson, per esempio. Un vero peso massimo.” “Non infierire sul suo aspetto fisico,” disse Nigel. “Anche se Dave è molto arrabbiato con lui.” “Non si aspettava che si pronunciasse a favore dell’uscita?” “No, non se l’aspettava.” “Gira voce che la sera prima che il ‘Telegraph’ andasse in stampa, Boris avesse preparato due articoli – uno in cui sosteneva l’uscita e l’altro in cui si dichiarava favorevole a restare nell’Unione europea.” “Non ci credo per niente,” disse Nigel. “Boris avrebbe preparato tre articoli: uno per uscire, l’altro per restare e il terzo perché non riusciva a decidere. Gli piace essere sempre pronto.”“E poi c’è Michael Gove. Un altro attaccante che si è pronunciato a favore dell’uscita.” “Lo so. Dave è arrabbiatissimo con Michael. Per fortuna rimangono molti conservatori leali e di buon senso che apprezzano i benefici di restare membri della UE. Credo che tu vada a letto con una di loro. Ma prova a immaginare cosa pensa Dave di Michael e di alcuni altri. Insomma, è andato a Bruxelles, è tornato con un accordo assai vantaggioso, e questi non sono ancora contenti.” “Semplice: a molti non va giù la UE,” disse Doug. “Pensano che non sia democratica.” “Sì, ma uscirne sarebbe un male per l’economia.” “Pensano che la Germania comandi a bacchetta su tutti.” “Sì, ma uscirne sarebbe un male per l’economia.” “Pensano che dalla Polonia e dalla Romania siano arrivati troppi immigrati che spingono i salari al ribasso.” “Sì, ma uscirne sarebbe un male per l’economia.” “D’accordo,” disse Doug. “Credo di avere appena capito quali saranno i tre punti strategici della campagna di Dave.” Adesso era il suo turno di prendere appunti. “E come la mettiamo con Jeremy Corbyn?” Nigel inspirò con un lungo sibilo e sobbalzò visibilmente. “Jeremy Corbyn?” “Se il quadro è questo, lui dove si colloca?” “Preferisco non parlarne.” “Perché no?” “Perché no? Perché è un marxista. Marxista, leninista, trotzkista, comunista. Maoista, bolscevico, anarchico, di sinistra. Un socialista fondamentalista, anticapitalista, antimonarchico, pro-terrorismo.” “Ma è anche uno che vuole rimanere nella UE.” “Davvero?” “Così dice.” “Allora, naturalmente, saremo felici di averlo a bordo. Ma non credo che Dave sarebbe pronto a condividere alcunché sul piano politico.” “Non sarà necessario. È Jeremy il primo a respingere un accordo di questo tipo.” “Bene.
Jonathan Coe (Middle England (Rotters' Club, #3))
Ogni tanto Julian si ritrovava a giocare con questa fantasia prima di addormentarsi: loro due che buttavano quattro cose dentro al bagagliaio di una macchina e lasciavano l’Istituto, in un mondo dove lui non aveva nessuno a cui badare, dove non esisteva nessuna Legge e nessun Cameron Ashdown, dove a trattenerli c’erano soltanto i limiti dell’amore e dell’immaginazione.
Cassandra Clare (Lady Midnight (The Dark Artifices, #1))
Per me l'atto di pensare e quello di esprimere i pensieri non sono simultanei, e neppure necessariamente consecutivi. So di pensare e parlare nella stessa lingua, e so che in teoria non c’è ragione per cui io non possa comunicare i miei pensieri non appena si formano o immediatamente dopo; eppure la lingua in cui io penso e quella in cui parlo sembrano spesso talmente lontane che mi pare impossibile colmare il vuoto sul momento, o anche retroattivamente. Mi ha sempre affascinato l’idea della traduzione simultanea, come alle Nazioni Unite, dove nel pubblico tutti hanno gli auricolari e si sa che nelle retrovie gli interpreti ascoltano quello che viene detto e lo trasformano in un’altra lingua. Capisco che questo sia possibile, ma per me ha del miracoloso – che le parole siano lanciate in aria in una lingua e ricadano a terra in un’altra come una palla. Credo che nel mio cervello ci sia una specie di setaccio che impedisce un rapido (e tanto meno simultaneo) travaso dei pensieri in parole. Un po’ come il filtro nello scarico della vasca da bagno; c’è qualcosa che mantiene i miei pensieri nel cervello, e così bisogna cavarli a forza, come quegli schifosi grovigli di capelli bagnati. Riflettevo sui concetti di pensiero e di linguaggio, a quanto sarebbe stato difficile esprimerli – o quantomeno spossante, come se pensarli fosse già abbastanza e dirli fosse pleonastico o riduttivo, perché lo sanno tutti che la traduzione svilisce un testo, è sempre meglio leggere un libro nella lingua originale (À la recherche du temps perdu). Le traduzioni sono delle approssimazioni soggettive e questo è esattamente quello che provo quando parlo: quello che dico non è quello che penso ma solo quello che più gli si avvicina, con tutti i limiti e le imperfezioni del linguaggio. Quindi penso spesso che sia meglio stare zitto anziché esprimermi in modo inesatto.
Peter Cameron
MAY 2017
Amy McCabe (Modeliste: May 2017 with Cover Girl Dove Cameron)
Primo giorno di navigazione 1 gennaio 1900, al largo della Costa Orientale degli Stati Uniti «Mr Benton, l’accompagno al suo posto al tavolo del comandante.» Con un piccolo cenno di ringraziamento, Ken seguì lo steward nella sfarzosa sala da pranzo dell’Oceanic II, tutta marmi, specchi e lampadari di cristallo, sino al tavolo centrale imbandito con una tale quantità di bicchieri e posate da mettere probabilmente in soggezione più di un commensale. Durante la traversata avrebbe diviso i pasti con il comandante, Mr Cameron, il suo vice, il medico di bordo e una ventina di passeggeri di prima classe, considerati, per varie ragioni a lui poco comprensibili, importanti.Ne aveva ricevuto l’elenco completo solo pochi minuti prima dal valletto che era andato a prelevarlo nel suo alloggio, per scortarlo, come un secondino, sino alla sala da pranzo: un trattamento di riguardo per i viaggiatori importantiche occupavano le suite del ponte principale del transatlantico. In realtà, Ken aveva sperato di poter trascorrere i cinque giorni della traversata da solo, a elaborare la delusione e a piangere sulla sua vita che non sarebbe trascorsa al fianco della donna che ancora amava disperatamente. E invece… era stato catapultato in un mondo dove gli obblighi sociali sembravano essere ancora più assillanti che sulla Quinta Avenue. Forse, a pensarci meglio, da domani avrebbe deciso di consumare tutti i pasti chiuso nella sua cabina, servito da Jim, il suo valletto. Forse ci sarebbe rimasto per tutti e cinque i giorni, chiuso nella sua cabina. Con l’umore nero che si ritrovava, che a dire il vero rasentava la disperazione, non aveva alcuna voglia di sorridere e scambiare chiacchiere inutili con un gruppo di spocchiosi aristocratici britannici e di suoi connazionali milionari, tutta gente che frequentava l’alta società della East Coast e Wall Street; come lui stesso, del resto. Sperò almeno di sedere vicino a uno degli ufficiali di bordo, in modo da poter intrattenere una conversazione che andasse al di là degli ultimi pettegolezzi. Compreso quello che probabilmente si era già diffuso in tutta New York e che riguardava la patetica rottura del suo fidanzamento con Camille Brontee. Dannazione! Se qualcuno gli avesse chiesto qualcosa a proposito, o vi avesse solo accennato, la tentazione di rifilargli un bel cazzotto sul naso sarebbe stata enorme. Si guardò la mano destra, ancora dolorante a causa del pugno che solo il giorno prima aveva tirato in faccia a Frank Raleigh, l’uomo per cui Camille lo aveva lasciato.
Viviana Giorgi (Un amore di inizio secolo: La traversata)
Full of manic energy, I burst past him and skittered around in the house, leaping over furniture. I spotted Smokey and took off in pursuit, chasing him up the stairs and barking when he dove under Mom and Dad’s bed. “Bailey!” Mom called to me sternly. “Bad dog, Bailey,” the boy said crossly. I was astounded at this false accusation. Bad? I’d been accidentally locked in the garage but was more than willing to forgive them. Why were they scowling at me like that, shaking their fingers at me?
W. Bruce Cameron (A Dog's Purpose Boxed Set)