Brexit Referendum Quotes

We've searched our database for all the quotes and captions related to Brexit Referendum. Here they are! All 18 of them:

Watching Nigel Farage rudely insult fellow members of the European Parliament today - the first occasion they were all assembled in Brussels since the tragic 'Brexit' referendum result - made me feel utterly ashamed to be British. Let it be known that Nigel Farage is the very epitomy of a narrow-minded 'Little Englander' who does not represent the vast majority of outward-looking people from Great Britain. His shameful and unofficial campaign to convince the British electorate to leave the European Union was peppered with lies and deceit. His populist and xenophobic rhetoric has also subsequently contributed to ugly scenes of racial abuse and hate crime directed at Eastern European nationals and ethnic minorities living and working in the UK, in the wake of the referendum result. Fellow Europeans, world citizens, let this be a wake-up call. Deny your own domestic peddlers of populism and nationalism the opportunity to follow the example of this unelected, disrespected maverick, intent on making a name for himself, for he has unwittingly unleashed a wrecking ball on Britain's future economic prosperity, cultural diversity and social harmony.
Alex Morritt (Impromptu Scribe)
However, for better or worse, elections and referendums are not about what we think. They are about what we feel. And when it comes to feelings, Einstein and Dawkins are no better than anyone else. Democracy assumes that human feelings reflect a mysterious and profound “free will,” that this “free will” is the ultimate source of authority, and that while some people are more intelligent than others, all humans are equally free. Like Einstein and Dawkins, an illiterate maid also has free will, and therefore on election day her feelings—represented by her vote—count just as much as anybody else’s. Feelings guide not just voters but their leaders as well. In the 2016 Brexit referendum the Leave campaign was headed by Boris Johnson and Michael Gove. After David Cameron resigned, Gove initially supported Johnson for the premiership, but at the very last minute Gove declared Johnson unfit for the position and announced his own intention to run for it. Gove’s action, which destroyed Johnson’s chances, was described as a Machiavellian political assassination.4 But Gove defended his conduct by appealing to his feelings, explaining, “In every step in my political life I have asked myself one question: ‘What is the right
Yuval Noah Harari (21 Lessons for the 21st Century)
In the wake of the Brexit vote, eminent biologist Richard Dawkins protested that the vast majority of the British public – including himself – should never have been asked to vote in the referendum, because they lacked the necessary background in economics and political science. ‘You might as well call a nationwide plebiscite to decide whether Einstein got his algebra right, or let passengers vote on which runway the pilot should land.’3
Yuval Noah Harari (21 Lessons for the 21st Century)
It may seem strange to call this slow collapse invisible since so much of it is obvious: the deep uncertainties about the union after the Good Friday Agreement of 1998 and the establishment of the Scottish Parliament the following year; the consequent rise of English nationalism; the profound regional inequalities within England itself; the generational divergence of values and aspirations; the undermining of the welfare state and its promise of shared citizenship; the contempt for the poor and vulnerable expressed through austerity; the rise of a sensationally self-indulgent and clownish ruling class. But the collective effects of these inter-related developments seem to have been barely visible within the political mainstream until David Cameron accidentally took the lid off by calling the EU referendum and asked people to endorse the status quo. What we see with the mask pulled back and the fog of fantasies at last beginning to dissipate is the revelation that Brexit is much less about Britain's relationship with the EU than it is about Britain's relationship with itself. It is the projection outwards of an inner turmoil. An archaic political system carried on even while its foundations in a collective sense of belonging were crumbling. Brexit in one way alone has done a real service: it has forced the old system to play out its death throes in public. The spectacle is ugly, but at least it shows that a fissiparous four-nation state cannot be governed without radical social and cconstitutional change.
Fintan O'Toole (Scotland the Brave? Twenty Years of Change and the Future of the Nation)
In 2011, Boris Johnson, then London’s mayor, saw the downside when the capital’s fringes went on the rampage for several days, smashing up shops and burning cars, looting what they could not have. Five years later Britain’s left-behinds vetoed London’s economic interests in the Brexit referendum.
Edward Luce (The Retreat of Western Liberalism)
Soames is a pompous old bore whose blind Europhilia would make Juncker blush. The only thing he and his fine ancestor have in common is their waistline.
Arron Banks (The Bad Boys of Brexit: Tales of Mischief, Mayhem & Guerrilla Warfare in the EU Referendum Campaign)
The past is a foreign country, which maintains its independence with the same fierce determination as any ‘Brexiteer’.
Robert Saunders (Yes to Europe!: The 1975 Referendum and Seventies Britain)
Asked on the eve of the referendum how EU membership made them feel, voters were given a list of eight words, four positive (happy, hopeful, confident, proud) and four negative (angry, uneasy, disgusted, afraid) and invited to choose up to four of them. Feelings of ‘unease’ dominated, with 44 per cent selecting this word, as against just 26 per cent who went for the most popular positive term, ‘hopeful’. No other positive word was selected by more than 14 per cent.
Fintan O'Toole (Heroic Failure: Brexit and the Politics of Pain)
The great Marxist historian of England, E. P. Thompson, writing in the Sunday Times in the run-up to the 1975 referendum, gave this disgust an explicitly anti-Common Market turn, brilliantly fusing English puritanism with anti-capitalist politics: ‘It is about the belly. A market is about consumption. The Common Market is conceived of as a distended stomach: a large organ with various traps, digestive chambers and fiscal acids, assimilating a rich diet of consumer goods… This Eurostomach is the logical extension of the existing eating-out habits of Oxford and North London.’8
Fintan O'Toole (Heroic Failure: Brexit and the Politics of Pain)
Returning from a summit in Paris three months after the referendum, Wilson ‘proudly announced that he has saved Britain from the horrors of the “Euroloaf” and “Eurobeer”. “An imperial pint is good enough for me and for the British people, and we want it to stay that way.”’11 Wilson undoubtedly knew that this was nonsense, but he also knew, as Johnson would discover, that it was the kind of nonsense that sold well. The British had an insatiable appetite for every kind of Euromenace to their food and drink.
Fintan O'Toole (Heroic Failure: Brexit and the Politics of Pain)
«E quanto alla Brexit… Alcuni sono convinti che i cambiamenti radicali offrano anche grandi opportunità.» «Quindi, secondo te, noi due staremmo meglio se ci separassimo?» «Oddio, no. Stavo parlando del Paese.» Attraversano la strada. «Allora quali sarebbero le opportunità offerte dai cambiamenti radicali di cui parli?» chiede Louise. «Be’, non saremo più impantanati in tutta quella burocrazia. Potremo fare affari per conto nostro.» «Okay, adesso mi sono completamente persa. Non mi va di continuare a parlare del Paese. Sto cercando di capire perché, secondo te, una Brexit coniugale dovrebbe costituire una grande opportunità.» Tom alza le spalle. Ha lo sguardo sfuggente. «Con chi dovresti fare affari, tu? Per quanto ne so, non stai frequentando donne italiane o tedesche. E non credo che potresti avere più fortuna con delle cinesi o delle americane. Mi pare tutta una stupidaggine.» Sono arrivati alla porta di Canyon. «Voglio dire che non deve per forza essere la catastrofe di cui parla il Guardian.» Louise si ferma e lo guarda. Lui evita il suo sguardo, poi alza la mano per suonare il campanello. «Tu hai votato a favore della stramaledetta Brexit! Non toccare quel campanello! Ecco perché ti sei registrato per il referendum. Nonostante tutte le discussioni che abbiamo avuto sull’argomento.» «E ci sono volute due palle così, credimi. Perché tutti quelli che conosco continuavano a insistere che sarebbe stato un disastro.» «Ed è per questo che l’hai fatto? Perché tutti quelli che conosci la pensavano in maniera diversa?» «Era parte dell’attrattiva, sì. Però anche per alcuni complicati, ma molto difendibili, punti di vista socio-economici.» «Prova a difenderli.» «Non ho intenzione di difenderli fuori della porta di ‘Canyon’ un attimo prima della seduta.» Louise alza gli occhi al cielo, sentendogli sottolineare «Canyon». «Difendine almeno uno. Uno piccolo.» «Be’, nessuno è piccolo. Credimi, vorrei che lo fossero. Ma sono grandi. Grandi punti di vista. Grandi idee. Ma soprattutto volevo fare incazzare i tuoi amici.» «Ah, ci sei riuscito. Non ti rivolgeranno mai più la parola» dice Louise. «Non è un argomento di conversazione con gli amici. Come ti ho detto, si tratta di una faccenda privata.» «Come fai a fare incazzare i miei amici, se io non glielo dico?» «Li ho fatti incazzare in quel momento. Mentre votavo. Non voglio sbatterglielo in faccia. La nazione deve andare avanti. Guarire.» «Okay, ci vai tu a lavorare in un ospizio, con il minimo salariale, per rimpiazzare tutti quelli dell’Europa dell’Est che abbiamo perso.» «Sono pronto a fare la mia parte. Anche se non sono di grande utilità, quando c’è di mezzo la morte. O le malattie. O qualunque altra cosa abbia a che fare con un gabinetto.»
Nick Hornby (State of the Union: A Marriage in Ten Parts)
In hindsight, the election of Donald Trump and the Brexit referendum in 2016 were intended to divide the 99%, thus diverting attention from the real authors of human misery… money power and centralised control. Prior to both Trump and Brexit, more people were awakening to the reality of centralised power but since then, the “99%” have turned on each other. Meanwhile, the trajectory towards one world government and the new world order continues. Trump is not his own man and Brexit is an illusion and theatrical distraction; the UK’s military, financial, legal, social and legal arrangements are being woven ever tighter into the dictatorship of the European Union, NATO and the United Nations.
Clive Menzies
Over the next period, the majority for Brexit will slowly vanish. In the three years between the Brexit referendum and the European Parliament elections in 2019, 1.26 million British citizens over 65 will die and 2 million will reach the voting age of 18, according to Age UK. Given that 70 per cent of young voters were in favour of Remain and 64 per cent of over-65s voted to Leave, the pro-European camp will increase by 1 million and the Brexit camp go down by 756,000.
Denis MacShane (Brexit, No Exit: Why Britain Won't Leave Europe)
One way in which the referendum could be overturned is the following way.  If the MPs (Members of Parliament) forced a general election and a party campaigned on a promise to keep Britain in the EU, got elected and then they claimed that the election mandate topped the referendum one.
Brendon Rogers (#Brexit The whole story in simple words)
It’s June 2018, and I’m in Washington to testify to the U.S. Congress about Cambridge Analytica, a military contractor and psychological warfare firm where I used to work, and a complex web involving Facebook, Russia, WikiLeaks, the Trump campaign, and the Brexit referendum.
Christopher Wylie (Mindf*ck: Cambridge Analytica and the Plot to Break America)
Frustrato, Doug tentò un’altra strada. “Ascolta, supponiamo che la maggioranza voti per la Brexit e noi...” “Scusami se ti interrompo,” disse Nigel. “Supponiamo che la maggioranza voti per cosa?” “Brexit.” Nigel lo guardò sbalordito. “Come mai salti fuori con questa parola?” “Non è così che la chiamano tutti?” “Credevo che si dicesse Brixit.” “Cosa? Brixit?” “Noi diciamo così.” “Noi... chi?” “Dave e tutto il gruppo.” “Tutti dicono Brexit. Da dove viene Brixit?” “Non lo so. Pensavo che si dicesse così.” Di nuovo prese un appunto sul taccuino. “Brexit? Sei sicuro?” “Sicurissimo. È una parola composta. British exit.” “British exit... Allora dovrebbe essere Brixit?” “Be’, i greci l’hanno chiamata Grexit.” “I greci? Non sono usciti dall’Unione europea.” “No, ma hanno valutato la possibilità di farlo.” “Noi non siamo i greci. Dovremmo avere una parola che sia unicamente nostra?” “Ce l’abbiamo. Brexit.” “Ma noi continuiamo a dire Brixit.” Scuotendo la testa, Nigel continuò a scrivere. “Sarà una notizia bomba nel prossimo consiglio dei ministri. Spero che non tocchi a me comunicarlo.” “A che ti serve avere una definizione se sei sicuro che la cosa non succederà?” gli domandò Doug. Nigel sorrise felice. “Naturale... hai ragione da vendere. Non succederà e quindi non ci serve definirla.” “Ecco, vedi.” “Dopotutto, tra un anno, nessuno si ricorderà più di questa stupida faccenda.” “Esattamente.” “Nessuno si ricorderà che qualcuno voleva la Brixit.” “Proprio così. Però, sai, alcuni di loro...” Si chiese come dovesse metterla. “Sono personaggi da prendere sul serio, no? Boris Johnson, per esempio. Un vero peso massimo.” “Non infierire sul suo aspetto fisico,” disse Nigel. “Anche se Dave è molto arrabbiato con lui.” “Non si aspettava che si pronunciasse a favore dell’uscita?” “No, non se l’aspettava.” “Gira voce che la sera prima che il ‘Telegraph’ andasse in stampa, Boris avesse preparato due articoli – uno in cui sosteneva l’uscita e l’altro in cui si dichiarava favorevole a restare nell’Unione europea.” “Non ci credo per niente,” disse Nigel. “Boris avrebbe preparato tre articoli: uno per uscire, l’altro per restare e il terzo perché non riusciva a decidere. Gli piace essere sempre pronto.”“E poi c’è Michael Gove. Un altro attaccante che si è pronunciato a favore dell’uscita.” “Lo so. Dave è arrabbiatissimo con Michael. Per fortuna rimangono molti conservatori leali e di buon senso che apprezzano i benefici di restare membri della UE. Credo che tu vada a letto con una di loro. Ma prova a immaginare cosa pensa Dave di Michael e di alcuni altri. Insomma, è andato a Bruxelles, è tornato con un accordo assai vantaggioso, e questi non sono ancora contenti.” “Semplice: a molti non va giù la UE,” disse Doug. “Pensano che non sia democratica.” “Sì, ma uscirne sarebbe un male per l’economia.” “Pensano che la Germania comandi a bacchetta su tutti.” “Sì, ma uscirne sarebbe un male per l’economia.” “Pensano che dalla Polonia e dalla Romania siano arrivati troppi immigrati che spingono i salari al ribasso.” “Sì, ma uscirne sarebbe un male per l’economia.” “D’accordo,” disse Doug. “Credo di avere appena capito quali saranno i tre punti strategici della campagna di Dave.” Adesso era il suo turno di prendere appunti. “E come la mettiamo con Jeremy Corbyn?” Nigel inspirò con un lungo sibilo e sobbalzò visibilmente. “Jeremy Corbyn?” “Se il quadro è questo, lui dove si colloca?” “Preferisco non parlarne.” “Perché no?” “Perché no? Perché è un marxista. Marxista, leninista, trotzkista, comunista. Maoista, bolscevico, anarchico, di sinistra. Un socialista fondamentalista, anticapitalista, antimonarchico, pro-terrorismo.” “Ma è anche uno che vuole rimanere nella UE.” “Davvero?” “Così dice.” “Allora, naturalmente, saremo felici di averlo a bordo. Ma non credo che Dave sarebbe pronto a condividere alcunché sul piano politico.” “Non sarà necessario. È Jeremy il primo a respingere un accordo di questo tipo.” “Bene.
Jonathan Coe (Middle England (Rotters' Club, #3))
Com’è il morale? In generale”. “Il morale è... eccellente,” disse Nigel, deglutendo con forza. “È un periodo interessantissimo, naturalmente. La Gran Bretagna è a un punto di svolta e noi siamo proprio nell’epicentro... nell’epicentro del turbine che sta... trasfigurando la realtà politica, indirizzandola verso uno sviluppo... decisamente sismico in cui... le placche tettoniche della nostra storia nazionale si stanno spostando, con il risultato di provocare una trasformazione... e io, in qualità di testimone...” All’improvviso si interruppe. Il suo sguardo si perse nel vuoto. Le spalle si afflosciarono. Per un minuto o due rimase a fissare la superficie schiumosa del suo caffè. Alla fine tornò ad alzare gli occhi e le sue successive parole furono le più sincere che Douglas avesse mai sentito uscire dalle sue labbra. “Siamo fottuti.” “Prego?” “Siamo completamente e irrimediabilmente fottuti. È un caos. Corriamo di qua e di là come polli decapitati. Nessuno ha la più pallida idea di quello che sta facendo. Siamo... siamo fottuti.” Rapidamente Doug tirò fuori il cellulare e cominciò a registrare. “È ufficiale?” chiese. “Che importa? Siamo fottuti, perciò che senso ha sapere se è ufficiale?” “Che tipo di caos? Chi corre di qua e di là come un pollo decapitato?” “Tutti. Nessuno escluso. Chi si aspettava un esito simile? Nessuno era pronto. Nessuno sa cosa sia la Brexit. Nessuno sa come attuarla. Un anno e mezzo fa tutti la chiamavano Brixit. Nessuno sa cosa voglia dire Brexit.” “Pensavo che Brexit significasse Brexit.” “Divertente. E come dovrebbe essere questa Brexit?” “Una Brexit rossa, bianca e blu, come dice la May,” citò Doug e di nuovo si dispiacque per Nigel, così infelice. “Ma di sicuro ci saranno frotte di consiglieri... esperti?...” “Esperti?” disse Nigel con amarezza. “Non crediamo più negli esperti. La catena di comando è semplicissima. Ciascuno riceve le sue direttive da Theresa, e Theresa le riceve dal ‘Daily Mail’. E anche da un paio di think tank così fanatici del libero scambio che non li lasceresti...” “Questi think tank...” disse Doug incuriosito. “Non mi dirai che una di loro è l’Imperium Foundation, vero?” “Mio Dio,” disse Nigel, la testa tra le mani. “Sono dappertutto... dappertutto. Sempre pronti a indire riunioni. A bombardarci di tabelle. Dimenticati della volontà del popolo. Sono questi i pazzi che hanno preso il potere.” “Cameron avrebbe saputo fronteggiarli meglio, secondo te?” “Cameron?” disse Nigel con una smorfia. “Un fesso di prima categoria! Un moccioso! Un coglione fatto e finito. Se ne sta nel suo capanno del cazzo a scrivere le sue memorie. Guarda che disastro si è lasciato alle spalle. Tutti pronti a pugnalarsi alle spalle. Gli stranieri vengono insultati per la strada. Aggrediti sull’autobus. Invitati a tornarsene da dove sono venuti. Se uno non riga dritto, ecco che subito diventa un traditore e un nemico del popolo. Cameron ha demolito questo paese, Doug. L’ha demolito ed è scappato.
Jonathan Coe (Middle England (Rotters' Club, #3))
Is Gay Political? Ahead of the 2016 Brexit referendum in the UK, the actor Sir Ian McKellen was interviewed about which way he was planning to vote. The interview’s headline quote was ‘Brexit makes no sense if you’re gay.’ In the piece Sir Ian – who has done an enormous amount to advance fundamental gay rights over the decades – said that, looking at the vote from a gay perspective, ‘there’s only one point, which is to stay. If you’re a gay person, you’re an internationalist.
Douglas Murray (The Madness of Crowds: Gender, Race and Identity)